martedì 15 aprile 2008

C'est plus facile!

E dunque funziona così.

Se improvvisi un partito salendo in piedi su una Mercedes in mezzo alla strada, stravinci le elezioni.

Se intraprendi un tribolato cammino di alleanze, primarie, congressi, fusioni, perdi di brutto.

Gli italiani votano senza farsi troppe pippe mentali. È meglio la via sbrigativa, facile, pronto cassa.

A me va benissimo, purché il principio sia applicabile a chiunque.

Se voglio un posto da dirigente in una multinazionale me lo gioco col Nintendo invece di affrontare anni di studio e di gavetta.

Se voglio un fisico bestiale vado in piazza e proclamo “Da oggi sono un fusto!” invece di infliggermi lunghi ed estenuanti allenamenti.

Se voglio un mare più pulito lo chiedo con un sms al ministero invece di improntare la mia vita al rispetto dell'ambiente.


Se voglio annientare la mafia le faccio fare un malocchio da una fattucchiera invece di costruire una mobilitazione politica e civile.


P.S.
In tutto ciò la tanto agognata scrutatrice era in realtà un barbuto trentenne che, bontà sua, non ha avuto alcun desiderio di perquisirmi. Chissà se ne avrà voglia all’età di 35 anni.

...
Vota questo post su OkNotizie

11 commenti:

tock ha detto...

E di che ti meravigli? Non è stato, forse, sempre così? Ormai l'italiano non può fare a meno di "santi" terreni cui rivolgersi per ottenere qualcosa.

Kaishe ha detto...

Temo che non sia proprio così... l'applicabilità, intendo...
E comunque la contropartita è la tua dignità... e si sa che chi ce l'ha tende a tenersela ... ma lo mettono fuori mercato!

Bulbo Oculato ha detto...

tock: difatti meravigliarsi è sempre più da babbei.

kaishe: magari la dignità individuale è intatta, è quella collettiva che mi sembra malandata.

libertyfighter ha detto...

Non credi che se abbiamo votato Berlusconi NON è perché ha lanciato in maniera inusuale il suo partito?
Ovvero. Se l'avesse fatto anche Veltroni, avrebbe ugualmente perso.
Se Veltroni invece di fare una campagna soft fosse andato all'attacco, demonizzando SB, avrebbe comunque perso. Noi, NON VOTIAMO per la facciata. Non ce ne frega nulla di come fai un partito. Ci frega solo di quello che prometti (non è detto che poi mantenga chiaro, ma questo vale anche per Ualter, anzi visto il precedente Prodi...).
E, quello che a voi di sinistra non è ancora chiaro, è che all'Italia, nella situazione attuale, non importa un cavolo di
televisioni conflitti di interesse,par condicio, interessi personali
Gli elettori han capito (e sarebbe ora) che TUTTI i politici fanno anche i propri interessi. Berlusconi MAANCHE Veltroni, Bertinotti e gli altri.
I problemi che interessavano gli italiani erano la sicurezza e i soldi, non perché avidi e pavidi, ma perché non arrivano alla fine del mese ed hanno paura.
Il partito di Veltroni sebbene ridipinto, ha passato due anni a rispondere a queste richieste così:

"La mancanza di sicurezza è solo percepita, ma in realtà c'è"
"Le tasse sono bellissime, è colpa degli italiani bamboccioni"
"Gli italiani si meritano la classe politica che hanno".

Non puoi vincere quando prendi per il culo le persone spudoratamente. Ma a quello che c'ha una ipoteca sulla casa perché non riesce a pagare il mutuo, a fare la spesa, a pagare le bollette, cosa volete che gli importi se i politici hanno tutti lo stesso spazio in TV o se Mediaset deve avere due o tre reti o ancora se la sua pubblicità deve essere limitata?
Soprattutto quando sta ancora li a chiedersi perché deve pagare il canone RAI.
E' questo il motivo della debacle. Non predellini, italiani coglioni o "pippe mentali".
Ma si può col paese allo spiedo dilaniarsi per mesi su come dovrebbe essere fatta la nuova legge elettorale?????
Anche qui, una parte diceva:
"La legge elettorale NON E' una priorità, ci penseremo più avanti"
Un'altra voleva un altro governicchio che si reggesse sul niente dicendo:
"La priorità del paese E' la legge elettorale. Teniamoci Prodi altri 3 anni che decidiamo come farla..."

Si chiama suicidio politico. Veltroni se anche fosse stato superman non avrebbe potuto far nulla. E Veltroni non è superman

Pensatoio ha detto...

Qualcuno poi, suonando il clacson per un sorpasso mai avvenuto, ha cancellato la Sinistra Arcobaleno.
L'aveva confusa con un semaforo.

Pensatoio

Bulbo Oculato ha detto...

libertyfighter: e dunque vediamo come saranno questi cinque anni. speriamo che le larghe intese, se mai ci saranno, siano su provvedimenti seri e non su leggi-vergogna come l'indulto.

pensatoio: la sinistra estrema ha dimostrato di essere geneticamente incapace di governare. La sua esclusione è una sacrosanta lezione e dà un certo sollievo.

studium ha detto...

Ma quello che c'ha un'ipoteca sulla casa è proprio perchè ha fatto un mutuo, perchè se non può pagare gli fanno un pignoramento, per esempio gli prendono il PC così non scrive boiate. No, forse no, boh.

astrosio ha detto...

bulbo, ma secondo te e' una buona strategia elettorale andare dagli italiani e dirgli "siete degli ignoranti, non vi piace il cinema e siete rozzi e anche razzisti in quanto volete sbattere fuori gli estracomunitari e non vi piace a vladimir lussuria. votate per me!" ? e continuare, anche dopo, a dire che gli italiani sono imbecilli perche' votano a bernazzoni e umbertobozzi? chiaro che ognuno la pensa come vuole. ma la politica ha le sue regole. e se ti fanno tanto schifo quei rozzi, ignoranti elettori di bernazzoni e bozzi, tanto vale cambiare mestiere. e fare... che so? il critico cinematografico.

astrosio ha detto...

p.s. e' chiaro che non ho votato bernazzoni, no?

Antonio ha detto...

...ragazzi il problema è che gli italiani pensano solo al loro interesse privato e chi meglio dello psiconano incarna tale filosofia di vita...

Bulbo Oculato ha detto...

astrosio e antonio: nella conferenza stampa dopo il voto Berlusconi ha detto "da 15 anni tentate di farmi fuori, spero abbiate capito che è impossibile". C'ha proprio ragione, sia per quello che dice Antonio sia per l'indecoroso circo degli ultimi due anni di centrosinistra. Se qualcuno giudica impossibile un futuro Berlusconi Capo dello Stato, farebbe bene ad essere realista.