giovedì 15 maggio 2008

Il prestigio delle istituzioni


Possiamo pure storcere il naso di fronte a un ministro che faceva i calendari a seno nudo. Però facciamo anche una riflessione su un ex presidente della Camera che si propone come sopra.

7 commenti:

Gwendalyne ha detto...

Ma chi è, la Pivetti? Mi fa pur sempre meno specie lei della neoministra: con il suo percorso, opposto a quello della Carfagna, adesso è sicuramente più innocua...

Anonimo ha detto...

Si ma la Carfagna che peso potrà mai avere in politica??Presenterà mai un disegno di legge??Avrà voce in capitolo??O sarà solo la "bella statuina" del premier Silvioooo??Cmq ad onor del vero....la Carfagna ha una laurea in giurisprudenza.Lady.D.

Anonimo ha detto...

Le donne in Italia hanno un futuro, in fin dei conti.
Non appena avranno mandato a casa le rumene.




Pier Paolo

Kaishe ha detto...

Come donna... mi sento umiliata...

Ma non dagli uomini... bensì da certe donne...

Altro che conquiste, altro che parità, altro che indipendenza... siamo ancora all'età della pietra!

tock ha detto...

Vista, diciamo così, l'avvenenza della ministra un pò più... guardabile della fu presidente, non possiamo,forse,affermare che il prestigio delle istituzioni è aumentato?

Bulbo Oculato ha detto...

gwendalyne: innocua sì, ma non allo sguardo.

anonimo: diciamo che presenterà un disegno.

pier paolo: senza rumene, saranno molti uomini a non avere un futuro...

kaishe: pietra tombale, direi.

tock: è aumentato, ma perché Bertinotti non è più presidente della Camera.

astrosio ha detto...

io voglio la carfagna nel mio gabinetto. ecco.