venerdì 14 novembre 2008

Aveva ragione Obama


Aveva proprio ragione Obama a dire che nulla è impossibile. Non è impossibile che in giornate di paralisi del trasporto aereo, ferroviario e dei mezzi pubblici, mentre milioni di cittadini venivano ridotti all'esasperazione, un jet abbia volato indisturbato da Milano a Roma, dove era in corso la visita di Stato del presidente brasiliano Lula. Dalla scaletta sono scesi Ronaldinho, Kakà, Dida, Emerson, Pato e Leonardo. Tutti precettati da Berlusconi per diventare il regalo vivente al suo collega sudamericano.

Non è impossibile nemmeno che in tempi di paurosa crisi finanziaria si siano trovati i quattrini per pagare un pomposo pellegrinaggio di calciatori, evidentemente considerato strategico nel quadro delle relazioni diplomatiche Italia-Brasile.

Nulla, ma proprio nulla diventerebbe impossibile, se scoprissimo che l'intero viaggio, comprensivo di possibili pranzi, pernottamenti e sollazzi vari per i calciatori e per il loro eventuale corteo di amici, parenti e assistenti, sia stato pagato con denaro pubblico.
..
Vota questo post su OkNotizie

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Assolutamente nulla è impossibile visto anche quanto ci costano le agende del 2009 dei nostri senatori, deputati e banchieri di se stessi... Ciao Michele

Bulbo Oculato ha detto...

sono soldi ben spesi visto che quelle agende servono per pianificare gli appuntamenti con le squillo in via veneto.

Giorgio R. ha detto...

Fanno schifo.

tock ha detto...

Vorrei potermi disgustare, ma non posso. Sono già oltre il limite.

sam ha detto...

Attorno al nostro premier è sempre fiesta...

NonnaPapera ha detto...

Più che questo (c'è sempre la remota possibilità e la speranza che vada sul conto spese del presidente della società calcistica) mi indignano i 260000 euro (ma 500 milioni di lire rende meglio l'idea dello scandalo) regalati dal senato a nostre spese alla Nazareno Gabrielli per agende e agendine cartacee che ormai quasi nessuno più usa . Sempre per agende e agendine altri 360000 li spende la camera, mentre bankitalia arriva a sperperare un milione di nostri euro. Le QuoVadis con la copertina di plastica si meriterebbero tutti!

Bulbo Oculato ha detto...

giorgio e tock: eh, lo so, ormai l'ultima salvezza che ci rimane è il passaporto.

sam: sì, come sul titanic.

nonnapapera: non glielo dire, ché l'anno prossimo fanno quelle elettroniche sempre a nostre spese.